TRUFFA del crypto exchange | Tutti sapevano, nessuno ha parlato


Le testimonianze dei quadri di FTX inguaiano ancora di più SBF.

Era tutto falso. In molti diranno e vorrei vedere, altri flexeranno sui social network di non aver mai creduto a una virgola di quanto detto da Sam Bankman-Fried. Ora arriva la conferma da uno dei personaggi che componevano il suo cerchio magico. A deporre ieri nel corso del processo del secolo per il mondo crypto è stato infatti Gary Wang.

Wang, tra i quadri più importanti di FTX, rischia fino a 50 anni di galera e – al contrario di quanto si potrebbe pensare – non avrebbe ricevuto offerte per sconti di pena in cambio della sua pena collaborazione. Al centro della testimonianza di Wang, oltre a questioni che interesseranno più i rapporti tra Bahamas e Stati Uniti, anche il buco dai 8 miliardi che, secondo Wang, non era una novità per il comandante in capo dell’exchange.

In altre parole, SBF era conscio dell’enorme buco, della discrepanza tra asset dei clienti e asset effettivamente presenti, già quando aveva rassicurato il mondo intero con un laconico messaggio diffuso via Twitter. Parleremo di questo caso anche sul nostro canale Telegram ufficiale – dove troverai migliaia di appassionati e anche gli esperti della nostra redazione.

Phemex

Gli asset non c’erano – e lo sapevano tutti

O almeno lo sapevano i soggetti in grado di prendere le decisioni in quel momento. Lo scenario sono gli ultimi concitati giorni di esistenza di FTX: dopo il fuggi fuggi dall’exchange in molti avevano ragionevolmente iniziato a dubitare della consistenza delle riserve di FTX. Secondo Gary Wang però, le rassicurazioni di Sam Bankman-Fried non sarebbero state effetto di conoscenze sbagliate dell’effettiva situazione da parte di SBF, ma un tentativo di coprire ciò che di lì a poco sarebbe diventato di pubblico dominio.

FTX non stava bene. E gli asset non c’erano.

Questo il laconico messaggio che all’interno dell’aula di giustizia dove si sta tenendo il processo a SBF ha rimbombato nonostante la flebile voce di Wang. In altre parole, SBF era pienamente al corrente della situazione e dell’importante ammanco che avrebbe portato al fallimento.

Una situazione dunque diversa da quella che SBF aveva rappresentato tanto via Twitter prima del fallimento, tanto successivamente: in pubblico Bankman-Fried aveva infatti incolpato dell’ammanco una gestione non corretta della contabilità – che avrebbe colto anche egli stesso di sorpresa.

La situazione appare già come compromessa per Sam Bankman-Fried

Dall’altro lato c’è da valutare l’effettiva posizione di Sam Bankman-Fried all’interno del processo. Gli ormai ex dirigenti di Alameda e FTX sembrano essere tutti pronti a testimoniare contro l’ex CEO dell’exchange – rivelando dettagli compromettenti su una situazione già compromessa.

Per ora le testimonianze sono state tutte a sfavore di SBF – e non si sono registrati possibili appigli per la sua difesa. Wang, tra le altre cose, ha aggiunto che i fondi dei clienti erano stati n parte persi, in parte utilizzati per investimenti. Vedremo poi se questa testimonianza sarà confermata dalle carte che emergeranno durante il processo.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Telegram
Reddit
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: