ETF Bitcoin Spot: SEC rinuncia all’appello | Cosa cambia ora?


SEC rinuncia all’appello e per la conversione del trust di Grayscale si fanno passi avanti. Ma cosa cambia per il mercato?

È finita bene, almeno per chi ha già quote del trust di Grayscale e per chi spera nella futura approvazione dell’ETF Bitcoin Spot. SEC ha rinunciato all’appello nei confronti della decisione dei giudici di Washington che l’avevano vista soccombere proprio contro Grayscale. Una decisione che abbiamo commentato già qui – e per la quale la potente agenzia governativa non potrà più presentare appello.

Si è trattato di una decisione che in realtà era la più probabile, dato il contenuto stesso dell’ordinanza, che ha ritenuto le motivazioni addotte da SEC non credibili. Cosa cambia? In realtà per il momento poco – ed è il motivo per il quale il rialzo di Bitcoin è stato piuttosto modesto.

Si tratta nel complesso di un’ottima notizia per tutto il mondo ETF Bitcoin Spot, con diversi prodotti che sono in approvazione che potrebbero giovarsi di questa recente evoluzione.

coinbase

Puoi anche venire a discuterne sul nostro canale Telegram – dove potrai chiedere alla nostra redazione ulteriori delucidazioni e dove troverai anche migliaia di appassionati come te.

SEC rinuncia all’appello

La notizia, per quanto abbiano voluta ingigantirla certe pubblicazioni e certi account su X, è la seguente: SEC ha deciso di non ricorrere in appello contro la decisione del tribunale di Washington D.C. Decisione che quindi ora è operativa e obbliga l’agenzia di Gary Gensler a riconsiderare la richiesta del gestore dei fondi.

Quale richiesta? La richiesta di conversione del Trust Bitcoin di Grayscale stessa, un fondo privato che ha chiesto di essere convertito in ETF. Ci sono altri dettagli che è il caso però di comprendere anche per inquadrare questa decisione e comprenderne le conseguenze.

Non ci sarà approvazione automatica della conversione

L’assenza di appello non vuol dire comunque conversione automatica. SEC ora è obbligata a valutare di nuovo la richiesta di approvazione e non è obbligata però a procedere. I giudici non possono sostituirsi a SEC, che sarà comunque l’agenzia ad avere l’ultima parola su questa conversione e anche sugli altri prodotti. SEC non potrà utilizzare le motivazioni che i giudici hanno ritenuto incongrue, almeno per questa revisione. Potrebbe invece utilizzarle comunque per rimandare le altre richieste.

Inizia un periodo di interlocuzione

Entro 7 giorni saranno avviate delle trattative, o meglio dei colloqui tra le parti. Con ogni probabilità SEC comunicherà in via informale prima e formale poi che tipo di modifiche siano necessarie per andare avanti. È quanto ha fatto qualche giorno fa con 21Shares e ARK, frutto di un nuovo atteggiamento verso questo tipo di prodotti.

Una notizia di enorme importanza anche per GBTC

Investi su

Bitcoin

con eToro

✅Sicuro e affidabile

✅Bassi costi di negoziazione

✅Facile da utilizzare

E cioè per il valore del trust Bitcoin di Grayscale, anche se non è stato ancora convertito. Rispetto al momento peggiore per questo prodotto, che aveva fatto registrare anche uno scarto del 48% tra NAV e controvalore delle quote, siamo ora al -16%.

Questo vuol dire che il marketcap delle quote vale ancora il 16% rispetto ai Bitcoin che il fondo stesso ha in portafoglio. Questo scarto andrà progressivamente a ridursi nel caso in cui la conversione dovesse essere approvata. E sarebbe una buona notizia – ma lasceremo queste considerazioni a un prossimo speciale che pubblicheremo sulla vicenda. Una vicenda che riguarda Digital Currency Group, che è proprietaria sia di Grayscale che gestisce il fondo, sia direttamente o indirettamente di un gran numero di quote.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Telegram
Reddit
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: