Bitcoin: INFLAZIONE dice MOLTO | L’analisi di mercato


Bitcoin di fronte alla prova di un’inflazione che non scende, ma non sale. Che succede?

Bitcoin rimane saldo a fronte di un dato sull’inflazione certamente non entusiasmante, ma che non deve essere neanche fonte di grande paura. Core ancora alta – ed è a quella che guarderà Federal Reserve – mentre la CPI è al tempo stesso più tenue, ma anche ancora lontana dal target del 2%. Il quadro macro è invariato, anche per Bitcoin, ma è comunque il caso di fare il punto della situazione.

Una situazione che d’ora in poi, a meno di clamorose sorprese, dipenderà anche da altro. L’inflazione segue un lento percorso ribassista dopo il rimbalzo estivo – ma le preoccupazioni che domineranno i mercati saranno appunto altre.

Preoccupazione che però potrebbe risparmiare Bitcoin, che come vedremo all’interno del nostro numero del Magazine oggi – potrebbe anche decidersi, finalmente, a maturare come asset ottimale per i momenti di turbolenza.

okex

Inflazione statica, ma è davvero un problema?

L’inflazione classica rimane statica, ma non è quella a contare. Il dato che farà probabilmente sorridere i mercati – e con il senno di poi anche Bitcoin. È la Core inflation, quella che non tiene conto dei volubili prezzi di energia e alimentari, quella che Jerome Powell ritiene più importante, a far sorridere. Si scende a 4,1%, seguendo le previsioni però degli analisti e dunque non agitando granché, neanche in positivo, i mercati.

Per Bitcoin c’è una teoria che sta maturando, anche dalle nostre parti

L’idea di un Bitcoin diverso

Nel numero del Magazine di oggi ci occuperemo proprio di questo. Ovvero che per Bitcoin possa esserci un futuro diverso. Non più asset di rischio, ma nei momenti di crisi sistemica una sorta di porto sicuro, come storicamente ha fatto l’oro. Ci sono basi per ragionare in questo senso? Potete scoprirlo nell’ultimo numero del nostro Magazine. E potete anche venire a discuterlo sul nostro canale Telegram ufficiale.

Incertezza ancora preponderante

L’incertezza è ancora preponderante. Nonostante infatti l’arrivo di un dato importante e decisivo come l’inflazione, la situazione è lungi dal poter essere letta con agilità. Sulla banca centrale più importante del mondo grava infatti lo spettro di una recessione – anche negli USA – e la possibilità che ci siano ulteriori ripercussioni da situazioni geopolitiche come quella ucraina e quella in Israele.

Nonostante nella giornata di ieri Bitcoin abbia avuto una pessima performance, non ci sono motivi di essere eccessivamente preoccupati. Bitcoin continua e con ogni probabilità continuerà a muoversi all’interno di un canale piuttosto stretto, in attesa che diventi più lineare la lettura delle condizioni economiche globali.

Occhio al settore altcoin

Il settore altcoin è ancora la maggiore fonte di preoccupazione, anche per il fatto che Bitcoin continua a comportarsi come se fosse il dollaro del mondo crypto. Dobbiamo pertanto prestare massima attenzione a avventure senza protezioni (sì, intendiamo lo stop loss) anche su token a elevata capitalizzazione.

Il rischio che ci siano movimenti, in entrambi i sensi, rimane sensibilmente più alto di quello presente su Bitcoin. Per chi ha il cuore debole, forse non è il momento giusto per approcciarsi al mercato, per quanto diverse quotazioni facciano pensare a diversi livelli di prezzo interessanti per chi guarda al medio e lungo periodo.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Telegram
Reddit
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: